Porsche 911 2.5 ST/RSR (original model 2000S MY69)

Passato sportivo documentato, originale e conservata | original racing car with well known and documented history 
1/64

(segue testo in italiano)

The Pantera from Stuttgart

In the first 70s, Italy was the second market for Porsche, outside Germany after the USA. The popularity of the sports cars made in Stuttgart came from a long tradition, since 1951, when the first 356s apperared on the italian roads. Then many races hillclimbs, Targa Florio, 1000 Miglia, Circuito del Mugello, the first rallies and, in 1965, the new 911. It was a revolution for those who were tighen to the design of the 356, but thanks to the new model many young italian drivers began a long career full of victories, both for themselves then for the 911. 

  

 

The Alfa Romeo Giulia GTA were unbeatable with the first 911 Solex carbs 2 litre engine; the satisfactions started with the S model, before with the Weber carburetors then with the first mechanical fuel injection by Bosch. After the successes of the R and T/R models, the incessant development of the 911 brought to the 2.2 S, launched in August 1969: it has been the basis for the 1970 2.3 ST, the ideal light and enlarged weapon to win both on racetrack then on rallies, against lighter or more powerful rivals.

No De Tomaso Pantera, Ferrari Daytona, BMW nor Ford was able to get as many podiums as the 911 did in so different disciplines. In 1972 the upgrade to 2.5 litres based on the new 2.4 model, following the FIA appendix J, 

 

Apart from a bunch of official works 911ST (no more than 20 among 2.3 and 2.5), many racing teams used to buy the ST kits at the racing department of Zuffenhausen to modify the 911S; there were two versions, one for rallies and one for racetracks: while in the first kit usually the body remained the narrow one, typical of the 911 with just some modifications on engine, gearbox, safety equipment and some protections to get more reliability, the track version of the ST kit had larger flares, fiberglass hood, front and rear bumpers, deeper wheels, bucket seats with safety harnesses, the rear arch rollcage, a 110 litres fuel tank for endurance races, short ratios gearbox and all the needed material to bring the engine to 2.3 (then to 2.5) cmc with carburetors or fuel injection and pull out 230/250 and, some said, 270 hp. 

 

There was a third option, which is  the case of the 911 shown in this article: mechanics and teams bought just what they needed by Porsche racing department, in order to prepare the car according to the needs of the driver: for example, if you raced on hillclimbs the 100 litres fuel tank or the latter upgrade of the brake calipers introduced on the 2.5 ST - directly taken from the 917 - were useless.

 

The italian ST

It was the case of Salvatore Patamia, a young gentleman driver from Calabria region with the dream to race with a Porsche as he used to see at the Targa Florio, in Sicily, region very close to him. In 1972 Salvatore finally bought a second hand 911 S 2000 delivered in May 69 to the first owner; it was one of the last 2000 with MFI before the 2.2 version, delivered new in Italy, built on March 1969, original colour silver  (9369), with black leatherette interior and the following options (9311) rear wiper, (9367) side tinted glasses, (9236-9237) Recaro sport seats, (9348) front tinted windshield. A good basis for an ST, as suggested by Carlo Noce, the Sportwagen workshop principal, one of the best to prepare that fast and reliable model. There was even Ennio Bonomelli, another “big name” among the italian Porsche teams, but he had more experience on prototypes, as 908 and 910. 

 

The 2 litres engine was upgraded with a stronger silumin crankcase, a bigger fuel injection pump, specifics cylinders and pistons go get 2500 cmc, twin spark, direct air intake without filter, forged piston rods and specific camshafts. They chose the new 915 gearbox, stronger than the 901 and 911 version with the bottom 1st gear, and lightened the car taking out everything was useless. The front and rear tracks were enlarged using the factory front fenders, while the rear ones had a slightly different shape, very well recognizable, that you can still nowadays find on the car. The front bumper was the original made of steel with just the sides linked to the shape of the larger fenders (the fiberglass model with the front radiator would have been introduced in 1973).  For the livery they chose a classic white but with light blue stripes all around and in the middle.

 

In this configuration Salvatore Patamia made his debut the in August 1972 at the Hillclimb San Giustino-Bocca Trabaria in umbria region region; in September the Coppa dei Monti Iblei in Sicily, ended with a great 2nd in class and 5th overall: this was also the race of the debut of the livery, because for the first one it still was silver with unpainted large flares! Before the end of the year, he even won a 1st in class - 7th overall - at the Coppa Val d’Anapo and ended the season at the Coppa Primavera Amalfi – Gerola hillclimb, 4th in his class. 

 

For the 1973 season he had the dream to race the Targa Florio and so he did: Sportwagen team from Sassuolo, near Modena, upgraded the 911 ST with gold magnesium Campagnolo wheels (lighter than the Fuchs and the Minilite) and a new bumper from the RSR. Together with Angelo “Carab” Rizzo, Salvatore Patamia entered and started the 57th Targa Florio but unfortunately they didn’t saw the chequered flag because of mechanical problems. In June of the same year, Patamia won his class at Coppa della Sila hillclimb and one month later he lended the car to Romano Bartoli “Bramen” to race the Trento-Bondone, but he had a small accident during the race, argued with Patamia and the only solution was for him, to purchase the car and fix it.

 

It was love at first…brake

Once repaired, Bramen tested the car at some free practice sessions in Varano, Magione, Imola and other circuits; during one of these sessions, Odoardo “Dino” Govoni was testing his De Tomaso Pantera GTS, a works car, so the best he could drive, nevertheless the small 911 was always slightly faster than the clumsy Pantera: it had half of the power, half of the weights and an incredible braking, ideal for small circuits. Something that Dino never found on the Pantera.

 

Dino Govoni looked fashinated at the performances of the 911: his racing career started in the mid 50’s with Maserati, then with Abarth, Bandini, AMS and many other italian makes; he touched the chance to become a Ferrari works driver but things went wrong by a misunderstanding with Enzo Ferrari. By the way he achieved satisfactory results: the last was to become a “works-privateer” driver for De Tomaso in the first 70’s with the Pantera GT and GTS. 

 

Being half an official and a half privateer race-driver, he could drive not only the Pantera: so he made a deal with Bramen and bought the Porsche. It should have been the right car to alternate with the Pantera in those races where reliability and agility were fundamental: he used to say that the 911 was as easy to drive as a bicycle.

With the lower part of the car painted in orange, Dino raced the car for his first time at the Cronoscalata della Castellana, looking forward to be again in Sicily for the 1974 edition of the Targa Florio: there he shared the wheel with Luigi Moreschi, but they didn’t end the race because of a geaxbox fault. 

 

In the meantime the 911 received the famous ducktail spoiler from the RS/RSR, pretty useful on track to downforce at high speed. Always followed by Sportwagen team, from 1974 till 1976 he drove the car both on track than on hillclimbs always achieving podiums in his class. 

 

The good results of the 911s had been the inspiration for many young mechanics to open their own workshop specialized in Porsche: one of them was Orlando Redolfi from Bergamo, a young guy that nowadays, with his team “Autorlando”, is one of the satellite teams of Porsche AG; Dino Govoni and his 911 ST had been the first customer of this new team.

With the new team the ST took part to many races in 1977, starting from the 6 hours of Mugello, appointment of the World Makes Championship, ended in 11th position overall, then Giro dell’Umbria, Coppa Intereuropa in Monza and the 6 hours of Vallelunga. 

 

For the old 911 ST it was about time to go to pension, because the Carrera 3000 RSR, then the 934 and 935 Turbo and twin Turbo were the latest development of the project 911: but Dino Govoni decided to use the good old ST for the 1978 Giro d’Italia Automobilistico, a 5 days race that mixed special rally stages with races on track. Such a great race, it was the italian answer to the Tour de France. Even if they were racing quite well, they couldn’t see the end of the race because of technical problems. In 1979 Dino tried to end the race for the second time and they finished 27th overall, not bad for a ten years old car.

 

Back to the street then to a second life

Would now the car see the end and finish into a junkyard? No, obviously. Dino fully resprayed the car in white, installed some details to make the car drivable on the street and sold it to Arturo Rizzoli, a young journalist who wrote for the most famous italian car magazine, Autosprint.  Arturo was a true “petrolhead”, young and crasy enough to drive around Bologna with a disguised race car! Even if the ducktail had ben removed (Dino Govoni raced few races with the whale tail also), sometime the police heard that noisy car stopped him, checked the documents and in the end let him go…just because he seemd to be a good guy! At the time the 911 ST had a quiet 2.7 Carrera engine, it had never updated outside as a 3000 or a 3.2 Carrera so it became old, unused, forgotten into a garage. In 2005 a classic cars enthusiast found the car, still as Arturo left it 20 years before, with the gold Campagnolo wheels, the front bumper with those strange holes (for the radiators cooling), the plexiglass and the large flares. He knew everything about its glorious past with Dino Govoni so he decided to repaint the body with the period livery: light blue, white and orange. The car began a second life as an historic race car taking part to some italian hillclimbs, then passed to the current owner who decided to bring the 911 ST back, exactly to the original specs. The engine, for example had been rebuilt as the 2.5 ST thanks to the knowledge of Graziano Teggi, team owner of Rennsport – Modena –, who was a 17 years old young apprentice mechanic in 1973, making the first work experiences by Sportwagen…the first team which prepared this car in 1972! 

 

With the original 2.5 engine, developing 260 hp, the 915 correct gearbox, the preserved body with all the modification allowed by FIA homologation form 3025 (911ST) then 3053 (911 Carrera RS/RSR), this car is one of the most upright period racing 911s arrived to our days.

 

Full racing history

1972

San Giustino-Bocca Trabaria, 08-1972, Salvatore Patamia, 2nd in class

Coppa di Monti Iblei, 03-09-1972, Patamia, n.462, 2nd in class and 5th overall

Coppa Val d’Anapo, 01-10-1972, Patamia, n.682, 1st in class GTS +2.0, 7thOA

Coppa Primavera Amalfi – Gerola, 15-10-1972, Patamia, 4th in his class.

 

1973

Targa Florio, 10/13-05-1973, Salvatore Patamia-Angelo Rizzo “Carab”, n. 114, DNF

Coppa Sila, 10-06-1973, Patamia, 1st in class, 8th OA

Trento Bondone, 1-07-1973, Romano Bartoli “Bramen”, n.392, DNF accident

 

1974

Cronoscalata della Castellana, 19-05-1974, Odoardo Govoni, n.125, 1st in class 

Targa Florio, 9-06-1974, Odoardo Govoni- Luigi Moreschi, n.33, DNF gearbox

Trofeo Cementerie Trasimeno, Magione, 11-08-1974, Govoni, n.204, 2nd in class

San Giustino-Bocca Tribaria, 18-08-1974, Govoni, n.222, 2.nd in class

Gubbio-Madonna della Cima, 25-08-1974, Govoni, n.179, 2nd in class

Varano de'Melegari, 1974, Govoni, n. 454, DNF?

 

1975

Pieve Santo Stefano – Passo dello Spino, 11-05-1975, Govoni, n.323, 3rd OA

Trofeo AC Parma, Varano de’Melegari, 31-08-1975, Govoni, n.283, 2nd in class

Pasqua del pilota?, Magione, 1975?, Govoni, n.211, ?

 

1976

Coppa Padova, Varano de’Melegari, 22.08.1976, Govoni, n.251, 2nd in class

Magione, 1976, Govoni, n.196, ?

 

1977

Mondiale marche,  6 ore Mugello,  20/03/1977, Govoni-Angelelli, n.22,  7th in class, 11th OA

Giro dell’Umbria, 23/25-04-1977, Balboni-Fazioli, n.506,

Coppa Intereuropa Monza, 10-09-1977, Govoni, n.14,

Trofeo comune di Varano, 16-10-1977, Govoni, n.95, DNF

Varano de'Melegari, 1977, Govoni, n. 234, ?

6 ore Vallelunga, 23-10-1977, Govoni, n.112, DNA (entered the car but not ran, only quali)

 

1978

Pasqua del Pilota, Magione, 27-03-1978,  Govoni, n.218, 1st in class Gr.5 2.5

Coppa AC Verona, Varano de’ Melegari, 21-05-1978, Govoni, n.41, 

Giro d’Italia, 13/18-10-1978, Govoni-Angelelli, n.504, 12th Race 1, 11th Race 2, 20th OA

 

1979

Giro d’Italia, 20/25-10-1979, Govoni-Lodi, n.581, 27th OA

911 2.5 ST, la pantera di Stoccarda

 

Nei primi anni '70, l'Italia rappresentava il secondo mercato per Porsche - al di fuori della Germania - dopo gli Stati Uniti. La popolarità delle auto sportive prodotte a Stoccarda proveniva da una lunga tradizione: precisamente dal 1951, quando i primi 356 apparvero sulle strade italiane. Poi molte gare in salita, Targa Florio, 1000 Miglia, Circuito del Mugello, i primi raduni e, nel 1965, la nuova 911. Fu una rivoluzione per i puristi, amanti della 356, ma grazie al nuovo modello molti i giovani piloti italiani diedero il via ad una gloriosa carriera: sia per gli stessi piloti che per la 911.

 

L'Alfa Romeo Giulia GTA era imbattibile con il primo 911 che montava i carburatori Solex nel nuovo motore da 2 litri; le soddisfazioni arrivarono con il modello S, prima con i carburatori Weber e poi con la prima iniezione meccanica Bosch. Dopo i successi dei modelli R e T/R, lo sviluppo incessante della 911 portò alla 2.2 S, lanciata nell'agosto del 1969: fu la base per la 2.3 ST del 1970, l'arma ideale per vincere sia su pista che in salita, contro rivali più leggere e potenti.

Nessuna De Tomaso Pantera, Ferrari Daytona, BMW né Ford sono state in grado di ottenere tanti podi come la 911 in discipline così diverse. Nel 1972 arrivò l'aggiornamento a 2,5 litri basato sul nuovo modello 2.4, seguendo l'allegato J FIA ​.

 

A parte le pochissime 911ST ufficiali (non più di 20 tra 2.3 e 2.5), molti team erano soliti acquistare i kit ST presso il reparto corse di Zuffenhausen per modificare la 911S; c'erano due versioni, una per i rally e una per la pista: mentre nel primo kit di solito la carrozzeria rimaneva quella stretta, tipica della 911 con solo alcune modifiche su motore, cambio, equipaggiamento di sicurezza e alcune protezioni sottoscocca, il la versione da pista del kit ST aveva parafanghi allargati, cofano, paraurti anteriore e posteriore in fibra di vetro, ruote più larghe, sedili avvolgenti con cinture a 4 punti, rollcage, un serbatoio da 110 litri per gare di endurance, cambio con rapporti corti e tutto il materiale necessario per portare il motore a 2,3 (poi a 2,5) con carburatori o iniezione che permettevano di erogare 230/250 cavalli; in alcuni casi sembra addirittura 270 CV.

 

C'era una terza opzione, come nel caso della 911 mostrata in questo articolo: meccanici e team acquistavano esattamente ciò di cui avevano bisogno dal reparto corse Porsche, al fine di preparare l'auto in base alle esigenze del pilota: ad esempio, se correva in salita il serbatoio da 100 litri o l'ultimo aggiornamento delle pinze dei freni introdotte sulla 2.5 ST - prese direttamente dalla 917 - risultavano inutili.

 

La ST italiana

Quest’ultimo fu il caso di Salvatore Patamia, un giovane pilota calabrese con il sogno di correre con la Porsche come vedeva alla Targa Florio, nella vicina Sicilia. Nel 1972 Salvatore acquistò finalmente una 911 S 2000 di seconda mano consegnata nel maggio ‘69 al primo proprietario; era uno degli ultimi 2000 con iniezione meccanica prima della versione 2.2, una buona base per una ST, come suggerito da Carlo Noce, capo dell'officina Sportwagen, uno dei migliori nella preparazione quel modello, veloce e affidabile. C'era anche Ennio Bonomelli, un altro "grande nome" tra i team Porsche italiani, che tuttavia aveva accumulato più esperienza sui prototipi, come 908 e 910.

 

Il motore da 2 litri è stato aggiornato con più affidabile un basamento in Silumin, una pompa di iniezione di carburante più grande, cilindri e pistoni specifici da 2500, doppia accensione, aspirazione libera, bielle forgiate e alberi a camme specifici. Venne scelto il nuovo cambio 915, più forte della versione 901 e 911 con la prima marcia in basso, e l’auto venne alleggerita eliminando tutto il superfluo. I parafanghi anteriori e posteriori vennero allargati utilizzando i componenti anteriori della Casa, mentre quelli posteriori avevano una forma leggermente diversa, molto ben riconoscibile, che si ritrovano ancora oggi sulla macchina. Il paraurti anteriore era l'originale in acciaio con i bordi esterni raccordati alla forma dei parafanghi maggiorati (il modello in fibra di vetro con il radiatore anteriore sarebbe stato introdotto nel 1973). Per la livrea scelsero un classico bianco con strisce celesti centrali e laterali.

 

In questa configurazione Salvatore Patamia fece il suo debutto nell'agosto 1972 alla salita San Giustino-Bocca Trabaria; a settembre la Coppa dei Monti Iblei in Sicilia, conclusa con un ottimo 2 ° di classe e 5 ° assoluto: questa è stata anche la gara del debutto della livrea, perché per la prima gara – come testimoniano le foto – l’auto era ancora color argento con gli allargamenti non verniciati! Prima della fine dell'anno, ottenne un 1 ° in classe - 7 ° assoluto - alla Coppa Val d'Anapo e concluse la stagione alla Coppa Primavera Amalfi - Gerola, 4 ° nella sua classe.

 

Nella stagione 1973 Patamia coronò il sogno di correre sulla Targa Florio: il team Sportwagen di Sassuolo, in provincia di Modena, aggiornò la 911 ST con cerchi color oro Campagnolo in magnesio (più leggeri dei Fuchs e dei Minilite) e un nuovo paraurti derivato dalla RSR con radiatore integrato. Insieme ad Angelo “Carab” Rizzo, Salvatore Patamia prese il via della 57esima Targa Florio, ma sfortunatamente non vide la bandiera a scacchi a causa di problemi meccanici. Nel giugno dello stesso anno, Patamia vinse la sua classe alla Coppa della Sila; un mese dopo prestò l'auto a Romano Bartoli "Bramen" per correre la Trento-Bondone, ma quest’ultimo ebbe un piccolo incidente durante la gara, litigò con Patamia e l'unica soluzione era, per lo sfortunato pilota, acquistare l'auto e ripararla.

 

Fu amore ... alla prima staccata

Una volta riparata, Bramen testò l'auto in alcune sessioni di prove libere a Varano, Magione, Imola e altri circuiti; durante una di queste sessioni, Odoardo "Dino" Govoni stava provando la sua De Tomaso Pantera GTS, un'auto ufficiale, quindi la migliore che potesse guidare, tuttavia la piccola 911 era sempre leggermente più veloce della goffa Pantera: aveva metà della potenza, metà del peso e un'incredibile frenata, ideale per i circuiti corti. Cosa che Dino non ha mai trovato sui Pantera.

 

Dino Govoni fu stregato dalle prestazioni della 911: la sua carriera agonistica iniziò a metà degli anni '50 con la Maserati, poi con Abarth, Bandini, AMS e molte altre marche italiane; ha toccato la possibilità di diventare un pilota ufficiale della Ferrari, ma le cose non andarono per il verso giusto per un malinteso con Enzo Ferrari. Ottenne risultati soddisfacenti: l'ultimo fu di diventare un pilota "mezzo ufficiale e mezzo privato" per la De Tomaso nei primi anni '70 con le Pantera GT e GTS.

 

Non essendo totalmente legato alla casa modenese, Govoni poteva guidare non solo Pantera: così trovò un accordo con Bramen e la Porsche divenne sua. Sarebbe dovuta essere l'auto giusta da alternare con la Pantera in quelle gare dove affidabilità e agilità erano fondamentali: diceva che la 911 era facile da guidare come una bicicletta.

Con la parte inferiore della vettura dipinta di arancione, Dino ha corso la prima volta alla Cronoscalata della Castellana, in attesa di tornare in Sicilia per l'edizione 1974 della Targa Florio, condividendo il volante con Luigi Moreschi; purtroppo non terminarono la gara a causa di una rottura del cambio.

 

La ST venne nuovamente aggiornata, ricevendo il famoso spoiler a coda d’anatra dalla RS/RSR, utile in pista per schiacciare a terra la coda alle alte velocità. Seguito sempre dal team Sportwagen, dal 1974 al 1976 ha guidato la vettura sia in pista che in salita ottenendo sempre il podio nella sua classe.

 

In quegli anni, i buoni risultati delle 911 furono d'ispirazione per molti giovani meccanici nell’aprire la propria officina specializzata in Porsche: uno di questi era Orlando Redolfi di Bergamo, un giovane che oggi, con il suo team "Autorlando", è uno dei team satellite di Porsche AG; Dino Govoni e la sua 911 ST furono i primi clienti del nascente team.

Con il nuovo team la ST prese parte a numerose gare nel 1977, a partire dalle 6 ore del Mugello, appuntamento del Mondiale Marche, concluso all'11 ° posto assoluto, quindi il Giro dell'Umbria, la Coppa Intereuropa a Monza e la 6 ore di Vallelunga.

 

Per la vecchia 911 ST era giunto il momento di andare in pensione, perché la Carrera 3000 RSR, quindi la 934 e 935 Turbo e Bi-turbo rappresentavano l’ultimo sviluppo del progetto 911: ma Dino Govoni decise di usare la cara vecchia ST per il Giro d'Italia Automobilistico nel 1978, una gara di 5 giorni che mescolava tappe speciali di rally con gare in pista. Era estremamente affascinante, la risposta italiana al Tour de France. Anche se stava andando abbastanza bene, non poté vedere la fine della gara a causa di problemi tecnici. Nel 1979 Dino ci riprovò e stavolta concluse al 27 ° posto assoluto, non male per un'auto di ormai dieci anni.

 

Torna in strada e poi verso una seconda vita

Teoricamente, sarebbe giunta l’ora della demolizione, come per tante altre sorelle di questa ST. Ma questo non avvenne per fortuna: Dino riverniciò totalmente l’auto di colore bianco, installò alcuni dettagli per rendere l'auto guidabile per strada per poi cederla ad Arturo Rizzoli, un giovane giornalista che all’epoca lavorava per la più famosa testata automobilistica italiana, Autosprint. Arturo era un vero malato di auto, giovane e sufficientemente matto per guidare a Bologna una macchina da corsa sotto mentite spoglie! Anche se la coda d’anatra era stata rimossa (Dino Govoni ha corso alcune gare anche con il grande spoiler “whale tail”), a volte la polizia sentendo un'auto rumorosa lo ha fermava, controllava i documenti e alla fine lo lasciava andare...ma solo perché aveva la faccia da bravo ragazzo! All'epoca la 911 ST aveva un motore 2.7 Carrera moderatamente silenzioso, ma non era mai stata aggiornata all'esterno con la silhouette 3000SC o 3.2 Carrera: piano piano risultò superata e venne dimenticata in un garage. Nel 2005 un appassionato di auto storiche la ritrovò, ancora come Rizzoli l'aveva lasciata 20 anni prima, con le ruote Campagnolo d'oro, il paraurti anteriore con quegli strani fori (per il raffreddamento dei radiatori), i vetri in plexiglass ed i parafanghi larghi. Tutto ricordava il suo glorioso passato con Dino Govoni, quindi si decise di riverniciarla nella livrea del periodo: azzurro, bianco e arancione. L'auto iniziò una seconda vita come storica da corsa partecipando ad alcune gare in salita italiane, quindi è giunta all'attuale proprietario che ha deciso di riportare la 911 ST, esattamente alle specifiche originali. 

Il motore, ad esempio, è stato ricostruito come 2.5 ST grazie all’esperienza di Graziano Teggi, proprietario del team di Rennsport - Modena -, che era il giovane apprendista meccanico di 17 anni, alle prime esperienze di lavoro presso la Sportwagen, ovvero la prima squadra che ha preparato questa vettura nel 1972!

 

Con il motore 2.5 originale da 260 CV, il cambio corretto 915, la carrozzeria conservata con tutte le modifiche consentite dall'omologazione FIA dalla Fiche 3025 (911ST) quindi 3053 (911 Carrera RS / RSR), questa vettura è uno degli esemplari più corretti e originali di 911 da corsa arrivate ai nostri giorni.

 

Storia sportiva completa

1972

San Giustino-Bocca Trabaria, 08-1972, Salvatore Patamia, 2nd in class

Coppa di Monti Iblei, 03-09-1972, Patamia, n.462, 2nd in class and 5th overall

Coppa Val d’Anapo, 01-10-1972, Patamia, n.682, 1st in class GTS +2.0, 7thOA

Coppa Primavera Amalfi – Gerola, 15-10-1972, Patamia, 4th in his class.

 

1973

Targa Florio, 10/13-05-1973, Salvatore Patamia-Angelo Rizzo “Carab”, n. 114, DNF

Coppa Sila, 10-06-1973, Patamia, 1st in class, 8th OA

Trento Bondone, 1-07-1973, Romano Bartoli “Bramen”, n.392, DNF accident

 

1974

Cronoscalata della Castellana, 19-05-1974, Odoardo Govoni, n.125, 1st in class 

Targa Florio, 9-06-1974, Odoardo Govoni- Luigi Moreschi, n.33, DNF gearbox

Trofeo Cementerie Trasimeno, Magione, 11-08-1974, Govoni, n.204, 2nd in class

San Giustino-Bocca Tribaria, 18-08-1974, Govoni, n.222, 2.nd in class

Gubbio-Madonna della Cima, 25-08-1974, Govoni, n.179, 2nd in class

Varano de'Melegari, 1974, Govoni, n. 454, DNF?

 

1975

Pieve Santo Stefano – Passo dello Spino, 11-05-1975, Govoni, n.323, 3rd OA

Trofeo AC Parma, Varano de’Melegari, 31-08-1975, Govoni, n.283, 2nd in class

Pasqua del pilota?, Magione, 1975?, Govoni, n.211, ?

 

1976

Coppa Padova, Varano de’Melegari, 22.08.1976, Govoni, n.251, 2nd in class

Magione, 1976, Govoni, n.196, ?

 

1977

Mondiale marche,  6 ore Mugello,  20/03/1977, Govoni-Angelelli, n.22,  7th in class, 11th OA

Giro dell’Umbria, 23/25-04-1977, Balboni-Fazioli, n.506,

Coppa Intereuropa Monza, 10-09-1977, Govoni, n.14,

Trofeo comune di Varano, 16-10-1977, Govoni, n.95, DNF

Varano de'Melegari, 1977, Govoni, n. 234, ?

6 ore Vallelunga, 23-10-1977, Govoni, n.112, DNA (entered the car but not ran, only quali)

 

1978

Pasqua del Pilota, Magione, 27-03-1978,  Govoni, n.218, 1st in class Gr.5 2.5

Coppa AC Verona, Varano de’ Melegari, 21-05-1978, Govoni, n.41, 

Giro d’Italia, 13/18-10-1978, Govoni-Angelelli, n.504, 12th Race 1, 11th Race 2, 20th OA

 

1979

Giro d’Italia, 20/25-10-1979, Govoni-Lodi, n.581, 27th OA

© 2014 by GT3 srl a socio unico | Photos Gianni Mazzotta. All rights reserved.
 

  • White Instagram Icon
  • Facebook Clean
  • Twitter Clean
  • YouTube Clean
  • LinkedIn Clean